Commento al vangelo del giorno sabato 14 Maggio 2022

Commento al vangelo del giorno sabato 14 Maggio 2022. Meditazione del Vangelo secondo Giovanni 15,9-17 con un commento di spiegazione di Papa Francesco.

Commento al vangelo del giorno sabato 14 Maggio 2022 con meditazione di Papa Francesco.

Il passo del Vangelo di oggi è tratto dal Vangelo di Giovanni ed è il brano Gv 15,9-17.

Commento al vangelo del giorno: spiegazione di Papa Francesco

Qui di seguito si può leggere un commento di Papa Francesco al Vangelo di oggi 14 Maggio 2022.





Qui di seguito si può leggere un commento di Papa Francesco al Vangelo di oggi 14 Maggio 2022.

Amare come ama Gesù significa mettersi sempre al servizio, al servizio dei fratelli, così come ha fatto Lui nel lavare i piedi ai discepoli. Significa anche uscire da sé, distaccarsi dalle proprie sicurezze umane, per aprirsi agli altri, specialmente di chi ha più bisogno. Amare come Cristo significa dire di no ad altri “amori” che il mondo ci propone: amore per il denaro, amore per il successo, la vanità, per il potere…. Cari fratelli e sorelle, dove conduce questo rimanere nell’amore del Signore? Dove ci conduce?

Ce lo ha detto Gesù: «Perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena». La gioia di saperci amati da Dio nonostante le nostre infedeltà ci fa affrontare con fede le prove della vita, ci fa attraversare le crisi per uscirne migliori.

(Regina Caeli)

Signore, ti prego col cuore

Il vangelo del giorno: Giovanni 15,9-17

Dal Vangelo secondo Giovanni: Gv 15,9-17

Non vi chiamo più servi, ma vi ho chiamato amici.

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.

Commento al vangelo del giorno sabato 14 Maggio 2022
Commento al vangelo del giorno sabato 14 Maggio 2022

Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l'ho fatto conoscere a voi. Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri».

Parola del Signore