Seguici anche su

26 maggio 2016

‘Quel che i robot non dicono’, il nuovo numero di pagina99

Sommario | Il nuovo numero di pagina99, in edicola e in digitale dal 28 maggio al 3 giugno e come sempre in abbonamento. In copertina, la corsa all’intelligenza artificiale e ai robot che cambieranno la nostra vita. A seguire, la storia della gola profonda Stéphanie Gibaud, ridotta alla povertà. E una mappatura del riconoscimento dei diritti delle persone transgender tra Usa, Europa ed ex Urss. Sull’inserto Fuoribordo, un racconto di Antonio Pascale

 

STORIE | pagine 2-11

Quello che i robot non dicono

L’inchiesta di copertina indaga sulla grande corsa ai robot. Testimoniata dall’incremento esponenziale degli investimenti dei big della Silicon Valley, che sfida – spiega Paolo Bottazzini – il paradosso di Moravec: una macchina può svolgere le funzioni intelligenti di un adulto, se parcellizzate, ma non riesce ancora ad «imparare a imparare». È così? Una lettura tra numeri, scienza e filosofia della sfida dei nuovi robot. Nella quale si lancia la Cina, con un programma gigantesco per le sue fabbriche. Anche l’Italia ha il suo distretto della robotica, tra Piemonte e Lombardia. E infine, i robot del sesso. Cambiando argomento: la solitudine di  Stéphanie  Gibaud, che con i leaks su Ubs ha permesso al governo  francese di recuperare 12 miliardi. E un ritratto-intervista di don Fabio Rosini, prete-cult che riempie le chiese con omelie in cui impasta romanesco ed esegesi biblica, seguite anche dagli agnostici.

 

MAPPE | pagine 15-19

La primavere transgender

Dalla “battaglia dei bagni” americana, nella quale è sceso in campo Obama, alla geografia a macchia di leopoardo dei diritti in Europa. Il movimento transgender scopre la sua primavera. Samuele Cafasso racconta come, con storie e numeri di quel che cambia anche da noi. Mentre nello spazio post sovietico dilagano violenze e discriminazioni contro i gay.  Spesso con la regia delle autorità, a cominciare dal Cremlino.

 

IDEE  | pagine 20-21

Burning man, il fuoco creativo

È nato trent’anni fa in Nevada:  una città temporanea e utopica che si chiude con l’effigie di un uomo che brucia. Ora.

 

INNOVAZIONI | pagine 28-31

La doppia vita dei game di carta

I collectible card games, giochi di carte reali e virtuali, hanno sempre più utenti, fruttano miliardi e sono uno dei rari settori in cui carta e digitale si rafforzano a vicenda. Jacopo Frenquellucci ce ne racconta evoluzione e scenari. Nel web nasce invece Swat, la piattaforma cui sta lavorando un ingegnere satellitare americano per documentare gli abusi compiuti dalla polizia: i cittadini controllano i controllori.

 

ARTI | pagine 33-45

La magia nera di Anish Kapoor

L’artista anglo-indiano ha acquistato i diritti sul Vantablack, materiale che  permette di realizzare “il nero più nero”. E che affascina anche militari e scienziati. Intervista a Loredana Bertè: dagli spaghetti con Warhol a Belushi, la (non) signora del rock italiano si racconta. Dopo l’annuncio di Susan Sarandon, il panorama del cinema porno diretto da donne. Una graphic novel ambientata su in’isola-Stato, di spazzatura. Trump in rima, e Shakespeare in rap. Calcio ed economia: un paper indaga sulle ragioni dei (pochi) fallimenti dei club. Mental coach per tutti: anche le discipline che non t’aspetti chiedono l’intervento di allenatori della mente per migliorare le prestazioni. Con la moda, andiamo in Africa e negli esercizi di stile di Accra.

 

OZII | pagine 46-48

Addio bermuda, i nuovi safari

Il vecchio safari non tira più. Così in Kenya si cercano nuove formule. Più economiche, ecosostenibili e personalizzate. Italia, incursione nella Bassa ricca e colta.

Altri articoli che potrebbero interessarti