Seguici anche su

6 giugno 2017

Le spose bambine degli Stati Uniti

In 10 anni hanno contratto matrimonio 167 mila minori. Spesso sono giovani rimaste incinte dopo uno stupro e costrette alle nozze con il violentatore

Nell’aprile del 2016 il dipartimento di stato americano ha pubblicato il documento intitolato Global strategy to empower adolescent girls. Per trovarlo online basta digitare il titolo, dentro ci sono una serie di case history e linee guida generali per migliorare le condizioni delle ragazze minorenni nel mondo. Si fa cenno alle mutilazioni genitali, alle violenze, alle gravidanze precoci e ai matrimoni forzati. Ma a dispetto delle immagini che accompagnano il testo – sempre foto di donne di Paesi in via di sviluppo – il problema dei matrimoni indesiderati delle minorenni è invece assai diffuso proprio negli Usa.

Qui, tra il 2000 e il 2010, oltre 167 mila giovani di età inferiore ai 17 anni si sono sposate. La ricerca, pubblicata dal New York Times lo scorso 26 maggio e condotta dal gruppo Unchained at Last, vuole bandire il matrimonio tra minorenni, che in buona parte degli Stati federali americani non sono affatto proibiti. Più della metà (27 su 50) non richiedono nemmeno un’età minima; Utah, Kansas, distretto di Washington e Indiana la stabiliscono a 15 anni; Montana, Nord e Sud Dakota, Minnesota, Iowa, Wisconsin e Ilinois a 16 anni; Oregon e Nebraska a 17. La Virginia ha approvato una legge che stabilisce l’età minima a 18 anni solo a luglio dello scorso anno. Fino ad allora le nozze erano possibili anche ai minori di 13 anni, fermo restando il consenso dei genitori.

Ed è spesso proprio questo il punto. Il quotidiano statunitense sceglie di raccontare il caso di Sherry Johnson, violentata a 11 anni e rimasta incinta, che è stata costretta a sposare il suo stupratore con tanto di consenso materno e firma di un funzionario governativo per ufficializzare il matrimonio. La cornice è quella dello stato della Florida che, in numeri assoluti, è in cima alla classifica per matrimoni contratti da almeno un minore. Sono stati 14.278 nei dieci anni che vanno dal 2000 al 2010. Una scala su cui la batte solo il Texas con 34.793 casi. Le percentuali più alte sono invece in Idaho, Arkansas e Kentucky, dove ci sono oltre 20 minori sposati ogni 10 mila residenti.

(gdv)

Altri articoli che potrebbero interessarti