Seguici anche su

16 aprile 2017

Una Nato sunnita nel segno di Riyad io

È nata l’Alleanza militare islamica, l’unione di 40 Stati che «sulla base del santo Corano rifiuta il terrorismo». Ma funzionerà davvero?

cecilia attanasio ghezzi

«In nome di Allah, il misericordioso». Così comincia il comunicato congiunto per la formazione dell’Alleanza militare islamica, una sorta di Nato sunnita che «sulla base del santo Corano e degli insegnamenti della sharia rifiuta il terrorismo in tutte le sue forme». Il giorno della sua nascita, il 15 dicembre 2015, erano 34 gli Stati firmatari.

Oggi sono 37, e altri tre stanno seriamente prendendo in considerazione l’ipotesi di partecipare. La coalizione, che include uno tra i Paesi più popolosi del mondo islamico come l’Egitto, un membro Nato come la Turchia e uno Stato dotato di armi nucleari come il Pakistan, appare più che formidabile. Ma se si guarda più da vicino, ci sono solo due punti chiari.

A comandarla sarà un generale dell’esercito pachistano in pensione e i suoi quartieri generali saranno a Riyad. Quali di questi numerosi Paesi fornirà materialmente le truppe e per quali missioni è ancora lontano dall’essere definito. Ma andiamo con ordine.

Storicamente Pakistan e Arabia Saudita condividono un legame di mutua assistenza. Il primo forma l’esercito e le forze dell’ordine del più grande Stato arabo dell’Asia occidentale e promette di mandare fisicamente truppe in soccorso nel caso in cui quest’ultimo sia minacciato. In cambio la monarchia saudita concede assistenza finanziaria, petrolio a prezzi agevolati e supporto diplomatico.

Non è un caso che Ryad abbia un’influenza notevole nella complicata politica pachistana. Né che a oggi sia proprio il Pakistan l’unico Stato ad essersi militarmente impegnato nell’alleanza voluta dai sauditi. Gli obiettivi non sono stati esplicitati oltre al «rifiuto del terrorismo in ogni sua forma e manifestazione perché efferato crimine e ingiustizia rifiutato da tutte le religioni celesti e dall’istinto umano»…

► Continua sul nuovo numero di pagina99, in edicola dal 14 aprile o in edizione digitale

[Foto in evidenza di Khalil Ashawi / Reuters / Contrasto]

Altri articoli che potrebbero interessarti